Sarzana approva il primo Albo dei Singoli Volontari Civici della Liguria

E’ probabilmente il primo regolamento del genere ad essere approvato in Liguria. Si tratta dell’Albo dei Singoli Volontari Civici approvato ieri dal Consiglio comunale di Sarzana. Uno strumento operativo vero e proprio che ha il dichiarato obiettivo di “normare” il volontariato del singolo cittadino, individuando requisitivi, ambiti di impiego, modi di iscrizione, diritti e doveri del volontario, con l’obiettivo di rinsaldare quei legami basati su valori di solidarietà e sostegno che, da sempre, sono struttura portante della comunità sarzanese.
“L’Albo dei Singoli Volontari Civici- spiega il sindaco Alessio Cavarra - era un impegno che l’Amministrazione si è assunta da subito. In questo modo abbiamo inteso organizzare un settore, quello del volontariato, che a Sarzana ha sempre trovato terreno fertile. Il contatto con i cittadini mi ha più volte confermato la disponibilità di tante persone a mettersi a disposizione per mansioni di pubblica utilità. E sono certo nei già nei prossimi giorni, quando andremo avanti con il tour nei quartieri, le adesioni che raccoglieremo saranno numerose”.


“Una comunità che conta sull’impegno volontario del singolo è migliore e più ricca di valori e servizi”, questa la frase che introduce al depliant che verrà distribuito a breve in città e che contiene, oltre alle modalità per l’iscrizione (basta utilizzare l’apposito modulo disponibile presso i servizi sociali allegando la documentazione richiesta)  anche l’elenco degli ambiti di attività. Già perché ciascun volontario sarà tale in uno specifico settore, sulla base delle sue preferenze e delle necessità dell’ente che ha individuare quattro macro aree: quella culturale-sport-ricreativa legata alle iniziative organizzate dall’amministrazione; quella civica che riguarda la tutela e il miglioramento della vita e dell’ambiente, oltre all’assistenza scolastica di fronte alle scuole; quella gestionale di supporto agli uffici del Comune per iniziative nel settore socio-assistenziale, scolastico ed educativo e quella sociale per la prevenzione, promozione e sostegno alle forme di disagio ed emarginazione sociale. 
Fra i requisiti richiesti ci sono la cittadinanza italiano o comunitaria o il possesso di permesso di soggiorno CE, la residenza a Sarzana o avere qui il centro dei propri interessi.
“In un momento di grave crisi economico- concludono il sindaco Alessio Cavarra e l’assessore ai servizi sociali Juri Michelucci- l’albo dei volontari va inteso anche come opportunità per evitare il rischio emarginazione dato che offre l’occasione di rendersi utili e sentirsi parte attiva della nostra comunità affiancando l’importante, ma diverso impegno, del volontariato svolto in forma associativa”. Chi volesse saperne di più può consultare il regolamento sul web-site all’indirizzo www.comunesarzana.gov.it. Per info scrivere a albovolontaricivici @comunesarzana.gov.it oppure telefonare ai seguenti numeri 0187/604328 oppure 0187/604326.